Chi sono

La mia foto

Donna, moglie, mamma e mille altre cose. Faccio di tutto, dal giocare ai videogames a knittare compulsivamente....

lunedì 12 marzo 2012

12 marzo 2012 - The Day After

Ok, il mio compleanno è passato.
Con alti e bassi.

Stamattina sento proprio la necessità di scrivere, per sfogare in qualche modo l'irritazione che ho dentro, partendo dalle piccole cose.

Innanzitutto la mia "simpaticissima" cognata, che quando esprime la sua opinione è delicata come un elefante in una cristalleria. Mio fratello, su mia richiesta, mi ha regalato i pesetti della Domyos (qui sotto), da mezzo chilo l'uno. Li volevo rosa, appunto, e soprattutto c'erano solo quelli in esposizione nel negozio.


La piccola megera, che probabilmente si crede meglio di me, non trova di meglio da fare che sorridere e dire: "Ma da mezzo chilo, a cosa servono... sono leggeri!"

Commento della regia: "MA FARTI I CAZZI TUOI NO?"

Naturalmente la mia mente contorta aveva già immaginato una conversazione di questo genere. Tant'è che la mia risposta è stata, appunto "Sai che avevo immaginato che l'avresti detto, ed ho già pronta la risposta? E' chissenefrega." E morta lì. Certo, potevo usare magari qualche parola più gentile, oppure sorridere da ebete e fare finta di niente... ma non gliela faccio. Vi dirò che quel che mi dispiace di più è che è la sorella di mio marito, e mi piacerebbe avere con lei un rapporto disteso e cordiale come era qualche anno fa. Ci riproveremo, magari.

La cosa che invece mi ha fatto rimanere più male è stata un'altra. Io ed una ragazza che ormai non sento da molto tempo, e che ho come amicizia via Facebook, compiamo gli anni nella stesa giornata. Ci accomuna, oltre questo, anche una altra amica. La solita, quella che consideravo la mia migliore amica.

Ebbene, quest'ultima che fa? Via FB fa gli auguri a quest'altra, mentre io non vengo cagata di striscio. E non esiste scusante, in questo senso, visto che FB molto diligentemente elenca tutti i compleanni del giorno. Pertanto... MA VAFFANCULO!
Per 1/4 sono incazzata con sta ragazza, e per 3/4 con me stessa. Perché ho preso atto, in una frazione di secondo, che io vivo nel passato.
Come se io le lei avessimo ancora 15 anni, ed io fossi la ragazza brutta in fianco a quella bella, quella scorbutica in fianco a quella socievole. Come se potessi rapportarmi con il mondo solo tramite lei.
Ebbene, non è così.
Devo smettere di pensare a lei come se fosse la mia migliore amica, perché non è così. Non è neanche un amica, se proprio vogliamo dirla tutta. E' solo una persona con cui ho fatto un pezzo di strada, ma ora basta.

Ho altre amiche e amici a cui rivolgermi in caso di bisogno, che erano vicine a me quando ci sono stati dei problemi. Che mi hanno telefonato, quando sono stata ricoverata in ospedale.
Che mi hanno accompagnato al primo incontro dell'Ambulatorio DCA.
Con cui sono andata a fare shopping (poco).
Con cui mi sono squassata dalle risate.
Che mi hanno fatto gli auguri di compleanno.
Con cui mi sono allenata in palestra bestemmiando per il male.

Insomma, ho fatto altro. Mi sono evoluta.

Parliamo adesso di cose belle, che ce n'è bisogno!
Innanzitutto il mio scialle "Soffice" sta proseguendo, ma mi sa che ormai lo metterò questo autunno. Per contro, finalmente ho trovato il modello di una maglia da lavorare con i ferri circolari che non sembra complicata da fare, quindi una volta finito quello che ho sui ferri mi cimenterò nell'impresa.
In secondo luogo, tornando al mio compleanno, tramite What'sapp mia cugina mi ha inviato un video dei miei nipotini che in coro mi auguravano buon compleanno. Fantastici!!
I regali che mi sono arrivati sono stati molto apprezzati: dalla famigllia di mio marito due accappatoi in microfibra, per sostituire quelli vecchi; mio fratello mi ha regalato i manubri rosa, appunto, mentre mia madre mi ha preso un paio di ballerine (Io LOVVO le ballerine)

 
e un bel trench nero, molto chic!


Insomma, è passata anche questa, meno male!!