Chi sono

La mia foto

Donna, moglie, mamma e mille altre cose. Faccio di tutto, dal giocare ai videogames a knittare compulsivamente....

venerdì 24 febbraio 2012

24 febbraio 2012 - Bis

Ok, la mia depressione di oggi sta salendo ai massimi livelli. Meno male che in ufficio ci sono le finestre anti-suicidio.
Invidio un po' mio marito. Lui, il giovedì ed venerdì sera esce per andare a suonare nella banda del paese, e magari prima va a mangiare una pizza con gli altri.
Io no. Io sto a casa.
Io non so con chi uscire. Dove andare. Di cosa parlare.
Sono effettivamente un essere anomalo.
Non sono riservata, parlo tranquillamente delle mio cose. Non di tutte.
Eppure, in gruppo, se ci sono più di due persone do di matto e do sfogo al mio mutismo selettivo.
Non sono timida. Ho recitato a teatro.
Eppure non riesco a recitare la parte della persona allegra, solare e "in" che mi piacerebbe essere.
Mi sento come la Bestia, come in un acquario, come dietro le sbarre di una prigione.
La sensazione che provo è quella di "disturbare", in qualche modo. Di essere di troppo, di essere in più, di entrare di prepotenza negli spazi personali degli altri senza essere ben accetta. E non lo posso sopportare.
A poco a poco, via via che il tempo passa, mi raggomitolo sempre più in me stessa, in quell'angolino buio e scuro che ho costruito nella mia coscienza, dove nulla mi può toccare e dove io non posso toccare gli altri.
Mi sento un fantasma che attraversa le vite degli altri, senza lasciare segni e senza essere ricordata.
IO NON SONO.